Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

un imperiale inedito della zecca di pavia 189


Del secondo periodo, decorso dal 26 febbr. 1450, il Brambilla riporta soltanto il fiorino o ducato d’oro (due varietà) di cui ai n. 4 della Tavola X, ed 11 della supplementare seconda; e il soldo (n. 5 della Tavola X). Si noti, in relazione a quanto dicemmo più sopra, che anche di questo soldo non è cenno nella citata lettera ducale 19 aprile 1452, ciò che dimostra non essere state battute soltanto le monete in essa accennate.

Alle due monete adunque accennate e distinte dal Brambilla noi diciamo doversi aggiungere il denaro od imperiale indubbiamente battuto nella zecca di Pavia e dopo la data del 26 febbraio 1450. A persuaderci di questi due fatti basta la descrizione della moneta e la sua rassomiglianza coi conii degli imperiali emessi nel primo periodo e con quello della monetina descritta dal Brambilla al n. 6 della Tavola II supplementare, conservata nel museo civico di Milano, appartenente al brevissimo periodo repubblicano avutosi in Pavia dopo la morte di Filippo Maria Visconti, e che giustamente il Brambilla dice "battuta al tipo milanese, a somiglianza cioè degli imperiali. „

Ecco la descrizione della monetina da aggiungere:

D/ — + F • S • DVX • MLI • PPIE Q C • AC • C • D •

Nel campo croce fiorita ed ornata.

R/ – + • S • SIRVS • PAPIE

Nel campo testina nimbata di vescovo.

Le quattro monetine pesano circa gr. 0.500, ossia un po’ più degli imperiali del primo periodo di Francesco Sforza (gr. 0.400 a 0.460).

Pavia, aprile 1893.