Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

documenti visconteo-sforzeschi, ecc. 205

e dell’argento, accresce notevolmente il valore nominale delle monete [Argelati, De Monetis, III, 59. — Giulini, Memorie, 2* ediz., V, 755. ~ Bellati, Mss. citati, t. I. — Verri, Storia di Milano, ediz. de Magri, II, 235. — Biondelli, La zecca di Milano, 1869, p. 41, e Prefazione alle Monete di Milano dei Gnecchi, p. XLIV].

«Quod quelibet persona … teneatur et debeat recipere et per consequens expendere Grossum, qui nunc valet et expenditur Imperialibus viginti quatuor, pro Imperialibus triginta duobus: Pegionum, qui nunc valet Imperialia decem octo, pro Imperialibus viginti quatuor: Sexinum, qui valet Imperialia sex, pro Imperialibus octo: Quatrinum, qui valet Imperialia quatuor, pro Imperialibus sex.» Il primiero valore di dette monete doveva tuttavia essere mantenuto nei pagamenti delle pubbliche tasse, gabelle e simili1.

41. — 1391, gennaio 28, Milano. — Dichiarazione fatta per l’aumento delle monete [Reg. Panig. A, 168. — Bellati, Mss. citati, vol. I].

Nei commerci «solvatur de illa moneta que currebat tempore hujusmodi venditionis facte».

42. — 1391, febbraio 6, Milano. — Dichiarazione di alcuni dubbii sulle monete da usarsi nei pagamenti [Reg. Panig. A, 170 t. — Giulini, loc. cit. — Bellati, Mss. citati, vol. I].

«volumus quod solutiones predicte fiende..... fiant et fieri debeant ad monetàm bonam videlicet in grosis, pegionis, sexinis quatrinis secundum cursum veterem ad computum imperialium viginti quatuor prò groso, imper. decem octo prò pegiono, imper. sex prò sexino et imper. quatuor prò quatrino.» — « Vertitur etiam in dubium ad quem computum florenus auri recipi debeat per datiarios: ad computum pegionorum sede-

,

  1. Un editto tale produsse un immediato aumento della meta del pane, delle farine, ecc. sicché il Visconti accortosi dell’errore, dovette ritirare ed annullare l’editto stesso. L’Argelati, De Monetis, III, 59, dice esser avvenuta la revoca ai 15 febbraio: il documento dell’Archivio di Stato invece è del 6 febbraio.