Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
224 emilio motta
sint prius iustati et coequati per ipsum franciscum sub penna florenorum 10 pro quolibet et qualibet vice».

91. — 1412-1447. — Serie delle monete di Filippo Maria Visconti, terzo duca di Milano [Gnecchi, loc. cit., p. 57-64. — Cfr. anche Giulini, Memorie, VI, 412 seg.].

92. — 1413, febbraio 22, Milano. — Elezione ducale di Zannone da Fino, Girardino da Inzago, Rustico Piantanìda, Amizino Zuccani, Beltramino da Seregno e Antonio Magoni in officiali soprastanti alle monete false, per 2 mesi prossimi venturi [Arch. civ. Lettere ducali, 1410-1413, fol. 162].

93. — 1413, febbraio 24, Milano. — Grida che vieta la spendizione delle monete false [Reg. Panig. CC, 51. — Bellati, Mss. citati, t. I].

94. — 1413, marzo 6, Milano. — Grida che vieta a qualsiasi banchiere di tenere, o numerare monete false [Registro Panig. CC, 52 t. — Bellati, Mss. citati].

95. — 1413, marzo 22, Milano. — Decreto relativo air Officio delle monete false [Reg. Panig. CC, 54. — Bellati, Mss. citati].

96. — 1413, aprile 12, Milano. — Decreto per il quale chiunque compera o vende argento, o perle, è tenuto entro 8 giorni di presentare i suoi marchi e pesi all’assaggiatore Beltramino da Lodi perchè siano segnati e uguagliati al marco del Comune, pena L. 25 per ogni contravvenzione [Reg. Panig. CC, 57. — Bellati, Mss. citati].

97 — 1413, maggio 2, Milano. — Conferma per altri 4 mesi nell’impiego di officiale soprastante alle monete false della città di Milano concessa a Rustico Piantamela ed a Girardo da Inzago [Arch. civico. Lettere ducali, 1410-1413, fol. 170 t. e 171].

98. — 1418, agosto 11, Milano. — Decreto sul deprezzamento del corso del ducato d’oro, e perchè non lo si spenda