Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
228 emilio motta

105. — 1416, Ottobre 8, Milano. — Aggio permesso nel cambio della moneta d’oro in argentea, cioè di soldi 6 imperiali per ogni pezzo d’oro [Reg. Panig. B, 238. — Bellati, Mss. citati. — Osio, Documenti, II, 56].

«Omnes bancherii et cambiare volentes aurum in monetam argenteam teneantur et debeant recipere Jlorenum bonum et justi ponderis pro soldis 50 imperialium et coronam auream bonam justi ponderis pro soldis 54 imper. et quod non accipiant nec accipere presumant pro cambio, sive avantagio, nisi solum imperiales 6 pro qualibet petia auri et non plus» sotto pena di 10 fiorini per ogni contravvenzione.

106. — 1417, aprile 21, Milano. — Grida perchè i ^ro55/ di Genova non si debbano spendere e ricevere che per 21 imperiali [Reg. Panig., CC, 203. — Bellati, Mss. citati].

«Grossum Januensem qui expenditur presentialiter in civitate Mediolani pro imperialibus xxiiij nisi pro imper. vigintiuno, secundum quod currit et expenditur pegionus prefati domini» pena fiorini 10 per ogni contra veniente.

107. — 1418, agosto 30, Milano. — Grida ducale limitante il valore delle monete del duca di Savoja e del principe d’Acaja [Arch. di Como. Lettere ducali, vol. I, fol. 115. — Rivista Numismatica, 1888, fasc. IV, p. 483Periodico della Soc. storica Comense, vol. VII, p. 248].

«Cum facto diligenti assazio de tnediis grossis Ulustrium dominorum ducis Sabaudie et Principis Achaye, non reperiantur vallere nisi imperialium novem pro quolibet respectu cursus monete Mediolani» grida perchè non siano accettati né spesi «nisi ad computum dictorum imperialium novem pro quolibet diete monete Mediolani», pena 10 fiorini per ogni contravvenzione.

108. — 1419, dicembre 19, Milano. — Grida in rapporto alle lettere ducali del 30 novembre al Vicario e XII di provvisione di Milano per la carica e nomina del pesatore delle monete in Broletto, nella persona di Giovanni da Possano,