Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/261

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
230 emilio motta
justum et convenientem solvendum per dictum nostrum comune et de denarijs ipsi nostro comuni pertinentibus».
Eletto a pesatore Joh. de Fossano, cittadino milanese e commessogli in Broletto il banco segnato A «quod est primum et propinquus loco ubi fiunt incantus datiorum comunis Mediolani».

109. — 1419, dicembre 19, Milano. — Grida relativa al corso delle corone e dei fiorini [Reg, Panig. CC, 66 bis].

Grida «quod quelibet corona boni auri et justi ponderis cursum habeat soldorum liiij imper. pro qualibet et quilibet ducatus et florenus boni auri et justi ponderis cursum habeat soldorum quinquaginta imper. pro quolibet» sotto pena di 20 imperiali per ogni corona, ducato e fiorino.

110. — 1420, gennaio 10, Milano. — Grida relativa all’officio del pesatore delle monete d’oro [Reg. Panig. CC, 75 bis. — Bellati, Mss. citati].

111. — 1420, maggio 29, Milano. — Grida che regola il corso di certe monete d’oro [Reg. Panig. CC, 91 t. bis. — Bellati, Mss. citati]1.

«Florenus aureus de reyno pro soldis xxxviij imper., Florenus rigine sive madame pro soldis xxxv imper., florenus moltoni pro soldis xxxi imper.».

112. — 1420, agosto I, Milano. — Grida pel corso delle monete nel ducato di Milano [Trivulziana, Codice n. 1268. — Arch. civ. di Como. Lettere ducali, vol. II, fol. 63 t. — Gazzetta Num. di Como, n. I, anno VI, 1886. — Periodico della Soc. storica Comense, vol. VIII, p. 30].

«Corona auri expenditur in Mediolano ad computum solidorum liiij imperialium.
Ducatus et floreni auri expenduntur ut supra ad computum solid. 1. imperialium pro quolibet.
  1. Anche nel vol. II delle Lettere ducali dell’Archivio civico di Como, a fol. 54, ed edita in “Periodico della Società storica comense,„ vol. VIII, p. 27; dove del pari è riportato il documento che segue al n. 112.