Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/264

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

documenti visconteo-sforzeschi, ecc. 233
coronis non expendibilibus sub pena sold. viginti imperialium pro qualibet petia duchatorum vel aliorum florenorum aut coronanim».
«Licitum tamen sit cujusque posse dictos duchatos et alios florenos ac coronas expendere pro bonis licet calent granum unum et imper. viiij pro quolibet grano et imperiales quinque pro quolibet medio grano absque aliqua pena imponenda».

116. — 1423, febbraio 13, Milano. — Grida che vieta l’esportazione dell’argento [Reg. Panig. CC, 308 t. — Bellati, Mss. citati].

Argento «tam laborati quam non laborati.... videlicet in grana, bozonaliis et petiis», pena la perdita dell’argento e il doppio del valore suo.

117. — 1423, agosto 17, Milano. — Decreto per alcuni deputati all’ufficio della fabbricazione delle monete [Reg. Panig. C, 25].

118. — 1423, ottobre 4, Milano. — Lettera dei maestri delle entrate ducali al Referendario di Como pel corso dell’oro nella tesoreria di quella città [Arch. civ. di Como, Lettere ducali vol. II, fol. 233 t. — Periodico Comense, vol. VIII, p. 82].

Si spendano «ducatum pro sol. 53 cum dimedio imperìalium; florenum auri pro sold. 52; scutum auri pro sold. 56 cum dimedio; florenum de reno pro sold. 42 cum dimedio, et florenum regine pro sold. 36 cum dimedio».

119. — 1423. — In questo anno Vitaliano Borromeo è tesoriere ducale1; mentre lo è del comune di Milano Cristoforo da Marliano. Prima del 1450 era tesoriere ducale


  1. Pel Borromeo cfr. V. de Vit., Il Lago Maggiore, vol. I, parte II, p. 30. — Pullé, Famiglia Borromeo, in Famiglie notabili milanesi, vol. II, tav. V. Negli anni 1443-44 tenne banchi a Londra ed a Barcellona. — Erra il Calvi (Famiglia Moroni, tav. V) quando dice che Antonio Moroni venne creato tesoriere ducale per diploma dell’anno 1480.