Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/406

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il ripostiglio di monfalcone 357

1. — Acqui.

D/ — + ODONVS • EPISCOP. Aquila con fascie alle ali.
R/ — AQ — VE — NS — IS. Grande croce che divide tutta la moneta con altra più piccola tra le quattro braccia della prima. Pezzi i.

Conforme al parere del Promis1 questo grosso sarebbe stato battuto dal vescovo Oddone Bellingeri, che tenne il governo della città di Acqui tra il 1305 ed il 1313 e fu favorito dall’imperatore Enrico VII.

L’esemplare di Monfalcone è di buona conservazione e pesa grammi 1.400.


2. — Incisa.

a) D/ — I'IAR — CKO — INC — ISE : Doppia croce come nel precedente.
R/ — + OTO ︙ INPERATOR ︙ Aquila con fascie. Pezzi 1.

b) Varietà del precedente.

D/ – ︙ I'IAR – CKO – INC - : ISЄ.
R/ – + OTO ︙ II'IPERATOR ︙ Pezzi 1.

Il primo pesa grammi 1.400 ed il secondo 1.300.

Questa rarissima moneta fu per la prima volta pubblicata dal Luschin2, che l’aveva rinvenuta nel ripostiglio di Primano da noi già citato. Ma il suo esemplare che ora trovasi nel gabinetto numismatico di S. M. in Torino, porta nel dritto:

I'IC - h︙ I - CI - SE.


I marchesi d’Incisa vantavansi di discendere da Adalasia, figlia di Ottone I e moglie del marchese

  1. Op. cit., pag. 7 e fav. I, n. 4. Vedi pure Luschin, Loc. cit. Appendice II, pag. 333 e tav. VIII, n. 6, ed A. Busson, nella “Numismatische Zeitschrift„, Vol. XIV, pag. 283.
  2. Loc. cit, pag. 334 e tav. VIII, n. 8.