Pagina:Rivista italiana di numismatica 1894.djvu/387

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

documenti visconteo-sforzeschi, ecc. 369
«Grossi a sol. 4 cura la testa del prefacto S.re nostro da una parte cum le literre nel campo G. Z. M., da laltra parte sancto ambrosio im pede.
«Grossi a sol. ij cum sancto ambrosio impontificato da una parte, da laltra parte tri bastoni nel focho cum le segie cum le literre nel campo Gz. M.
«Pizioni a sol. j den. 6 cum Sancto Ambrosio im pede, in una mane la pasturale et dal tra mane la scrugiata, et da laltra parte uno faziolo grande cum le literre nel campo Gz. M.
«Quindixini a sol. j den. 3 cum una bissa grande qualle tengha tuto Io campo da una parte et habia Gz. M. et daltra parte la testa de S.to Ambroso dale spale in suxo, in lo campo gli sia S. A.
«Soldini a sol. j cum la croce belissima da una parte et dal altra parte una collumbina cum lo breve, et li radij.
«Triline a den. 3 cum uno zimero da la bissa, quello proprio qualle è s«le triline che si fabricaveno al tempo de la bona memoria delo Ill.mo S.re Duca Filippo, et da laltra parte una corona cum la palma, et lo loro cum una bissa de sopra la corona.
«Imperiali a den. j. Da una parte lo faziolo, (niello proprio qualle se fabricava al tempo de la bona memoria del prefacto S.re Duca Filippo, et da laltra parte Gz.»1.


304. – 1474, giugno 6, Pavia. — Nomina di Gaspare de’ Bernerii a commissario sopra le monete false nel dominio di Parma [Zanetti, Nuova Raccolta delle monete e zecche d'Italia, vol. V, 105].

305. — 1474, giugno 7, Pavia. Lettera ducale al vice-governatore di Genova, Guido Visconti, per i ducati da fabbricarsi in quella città [Morbio, Codice Visconteo-sforzesco, n. CCXXI, p. 427].

«Qui incluso ve marniamo un designo, quale ne piaceria fosse ne li ducati, che se haverano ad fabricare in futurum in
  1. Per le imprese visconteo-sforzesche cfr. in ispecial modo: Azeglio, Manuscrit Sforza 1467; Gnecchi, Monete di Milano, p. lxxiv; Beltrami, Castello di Milano, II ediz., p. 715; Carta, Codici miniati di Brera, p. 33 seg, e le pubblicazioni del dott. Sant’Ambrogio.