Pagina:Rivista italiana di numismatica 1894.djvu/533

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la zecca di reggio emilia 515

teneatur dictus conductor de damnis et expensis ut supra et hoc fecerunt dicti domini superstites qui dictus Magister Nicola Conductor promisit dictis dominis superstibus stipulantibus nomine predictae magnificae Comunitatis et mihi notario infrascripto ut publicae personae stipulante et recipiente nomine et recipienti nomine et vice omnium et singulorum quorum interest aut quomodalibet intererit in futurum dietimi misterium officium et exercitium exercere fideliter et legaliter etc. et pro affictu dicti officii dare solvere et actualiter numerare tempore debito thesaurario eiusdem Magnificae Comunitatis et pro ea recipientes libras sexaginta imperiales pro dicto anno ut supra prelìxo ultra taxam librarum tercentum in dictis capitulis contentarli et expressam anni exceptione remota et omnia alla et singula facere et observare quae in predictis continentur capitulis, quorum tenor hic sequitur, videlicet.

Capituli et ordini della ciecha della Mag.ca Comunità di Reggio. Primo che li Maestri di detta Ciecha ritrovano la casa atta et sufficiente ad exercitare et habitar al predetto mestiere a spese d’essi maestri che condurano detta Ciecha.

Item ch’essi maestri siano tenuti et obligati (sic) tutte le Massaritie et osevigli andarano a fabricar le monete et anchora tutte le stampe che lì Signori Anciani li terà imposto ritrovar et quelle mantenire.

Item che li conductori soprascritti debbano dar al Maestro che gli cavara de pillete et torselli per suo salario soldo uno per libra de onde 12 de tutte le monete si levarano de ciecha et che detti maestri gli dicano (sic) gli torselli et pilleti.

Item che detti maestri possimi et debbano fabricar Bianconi, Julii, Mezi Julii quanti a loro gli parerà et quatrini secundo parerà necessario et bisogno alli soprastanti et deputati.

Item che li Bianconi Julii et mezi Julii siano de bontà de onde 9 d. 18 visto senza il rimedio, il Biancone da soldi 15, il iulio da soldi 10, il mezo iulio da soldi 5.

Item che li detti Bianconi per libra a peso si faccia n.° sesantasei et uno terzo, Julii n.° novantanovi et mexo, mezi iulii n.° centonovantanovi e quando si trovassero manchar tanto in peso quanto in bontà siano guasti et disfati alle spese de detti Maestri.

Item che li quattrini siano de bontà de quelli de Bologna in finezza, numero et peso et manchando tanto in fineza numero et peso siano guasti alle spese de essi Maestri.

Item che li detti Maestri siano obligati pagar alla Mag.ca Comunità per libre 1100 a peso de moneta lavorata et non lavorata,