Pagina:Rivista italiana di numismatica 1897.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


inquartata di Mirandola-Concordia, ed un capo d’aquila bicipite.

R/ — · IN · TE · DOMINE · SPE · · · : 1704: Croce accantonata da quattro testine e circondata da ornati.

Rame. Peso Grani. 1,23.               


Le iscrizioni e la leggenda si completano coll’ aiuto della moneta precedentemente citata con: ALEX · II DVX . MIRANDV - · IN · TE · DOMINE · SPERAVI : 1704:

L’impronta del diritto è quella dei soliti quattrini di Alessandro II, morto nel 1691; il rovescio è fatto ad imitazione dei soldi di Savoja.

Evidentemente questa moneta ci fa certi che la zecca della Mirandola era aperta nel 1704; resta però sempre il grave anacronismo a cagione del nome del principe, perchè non si può ammettere senza difficoltà che il duca Francesco Maria non abbia voluto usare del proprio diritto e segnare col suo nome le monete che faceva battere.

Mancandomi ogni fondamento storico per dare una ragione di tale sconcordanza delle date, non mi rimane che attendere la spiegazione di questa anomalia da qualche studioso della storia della Mirandola.

Trento, Novembre 1896.


Giorgio Ciani.