Pagina:Roma Antica 4.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58 DELLE VIE DEGLI ANTICHI

non è di troppo facile accesso. Dalla porta alle falde del Campidoglio fino al Ponte Milvio oggi per corruzione chiamato Molle havvi tre miglia dì strada, e perciò nella carta Peutingeriana trovasi così citato il ponte, come prima stazione: Ad Pontem III. Questo ponte traeva il nome di Milvio, o Mulvio come una corruzione di quello di Emilio da Marco Emilio Scauro, che secondo Aurelio Vittore nel trattato de Viris illustribus c. 2j, lo edificò: M. Aemilius Scaurus... Censor viam Aemiliam stravit, pontem Mulvium fecit. Quindi è un ponte di origine republicana; ma nulla apparisce nella costruzione, di quello che esiste che richiami quella epoca e perciò non può supporsi il ponte attuale l’antico. Infatti sappiamo che Niccolò V. verso la metà del Secolo XV. lo rifabbricò, e molto della costruzione si mostra di quel Secolo. Quando cadesse o fosse tagliato il ponte primitivo è incerto; ma ciò che si può dire di sicuro è che due avvenimenti assai rimarchevoli si citano ne’ tempi antichi come accaduti su questo ponte, o nelle sue vicinanze; l’ arresto degli ambasciadori Allobrogi implicati nella congiura di Catilina, e la celebre battaglia fra Massenzio e Costantino, che decise dell’Impero, e della Religione di Roma. Del primo fatto parla Cicerone nella III. Arringa contro Catilina al capo II. e III. Illi autem, (Lucio Fiacco e Cneo Pomtino pretori) qui omnia de Republica præclara atque egregia sentiunt sine recusatione, ac sine ulla mora negotium susceperunt, et quum advesperasceret occulte ad pontem Milvium pervenerunt, atque ibi in proximis villis ita bipartiti fuerunt ut Tyberis inter eos et pons interesset.... Interim tertia fere vigilia exacta quum jam pontem cum magno comitatu, legati Allobrogum ingredi inciperent unaque Volturcius, fit in eos impetus etc. E qui narra la maniera onde furono presi insieme colle lettere che portavano pe’ congiurati. Del secondo avvenimento Socrate nel capo 1. del 1. libro della sua Storia Ecclesiastica, parlando appunto della battaglia fra Costantino e Massenzio dice; Συμβαλών τε αὐτῷ πρὸ τῆς Ρώμης περὶ τὴν καλουμένην Μουλβίαν γέφυραν νικᾷ͵ Μαξεντίου εἰς τὸν ποταμὸν ἀποπνιγέντος: E venuto a battaglia con lui avanti a Roma presso il