Pagina:Roma Antica 4.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DISSERTAZ. DI A. NIBBY. 83

sta sopra il monte Pincio. Quindi si vede quanto s’ingannassero coloro, che la chiamarono porta Collatina, perchè crederono che dì là la via di questo nome avesse orìgine. Ma la via Collatina conduceva a Collazia città posta non lungi dell’Aniene all’oriente di Roma, e precisamente ove ora è situata l'osteria dell’Osa fuori di Porta Maggiore fra le vie Tiburtine e Prenestina; onde la sua direzione è opposta affatto alla porta Pinciana. Perciò è così assurdo il supporre, che la via Collatina uscisse di là come se si dicesse, che la via Ostiense usciva dalla porta Flaminia. E siccome fra il confluente dell’Aniene ed il ponte Milvio, lo spazio circoscritto dalle vie Flaminia e Salaria è assai ristretto, e non offriva alcun luogo da meritare una via particolare, quindi quella, che usciva dalla porta Pinciana, giacché alcuna ne dovea uscire di là, non solo era secondaria, ma necessariamente dovea presto riunirsi o alla Flaminia, o alla Salaria come infatti a queste due vie si riunisce, circa il primo miglio distante da Roma. Anzi io credo, che prima ancora, che la porta Pinciana fosse da Aureliano aperta esistesse una via di communicazione fra la Salaria e la Flaminia, della quale tuttora esistono avanzi dopo aver passato il luogo chiamato le tre Madonne, e che la via, che retta usciva ed esce dalla porta Pinciana seguendo le mura urbane fino a Muro Torto, e quindi passando avanti al Cancello di Villa Borghese, che lascia a destra e che va a questa via di communicazione a riunirsi precisamente al luogo suddetto delle tre Madonne sia stata aperta quando la Porta venne costrutta. L’Eschinardi, il Venuti, e tutto insieme il volgo degli Antiquari hanno preteso, che questo diverticolo tra le vie Flaminia e Salaria sia l’antica via chiamata Salaria vetus; ma con quale autorità l'abbiano asserito è ignoto; se con quella di autori de’ passi tempi, o moderni, questa è poco da valutarsi in confronto del silenzio degli antichi Scrittori, ne’ quali si parla solo della via Salaria, che portava ne’ Sabini, e mai non si nominano nè Salaria vetus, Salaria nova, ma solo Salaria, indizio certo, che una sola via di questo nome si conosceva, la quale Strabone, come a suo luogo vedrassi, chiaramente afferma, che usciva dalla porta Collina, anda-