Pagina:Roma Antica 4.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DI FLAMINIO VACCA 11

16. Nella via che parte dalli Trofei di Mario, e va a Porta Maggiore a mano manca nella vigna dell’Aspra vi fu trovata una strada selciata, e accanto ad essa molte statue di marmo, e ritratti di bronzo degl'Imperatori, gran quantità di vasi di rame con medaglie abbruciate, e incrostature di mischi; ed a quel tempo il padrone della vigna che si chiamava Francesco d’Aspra, ritrovandosi Tesoriere di Papa Giulio III, ogni cosa mise in mano di Sua Santità, da cui poi furono donate a diversi Prencipi; io mi ricordo quando si cavarono.

17. Appresso detta vigna vi è un Tempio antichissimo di Cajo, e Lucio, per corrotto vocabolo, oggi è chiamato Galluzzi; accanto ad esso, molti anni dopo, vi furono trovate molte statue maggiori del naturale, una Pomona di marmo nero, erano state tolte le teste, e le mani di bronzo; vi era un Esculapio, un Adone, due Lupe nella guisa di Becchi, una Venere, e quel bel Fauno, che è nella Galleria Farnese (che già fu mio) un Ercole, e un Antinoo, e quel che più mi piacque vedere, due accette, da una banda facevan testa, e dall’altra avevano il taglio a guisa d’alabarda: l’istessa testa si vedeva espressa nella macinatura del colpo sopra di essa figura. Io fui padrone di tutte due, ne donai una a Monsignor Garimberto, e l’altra mi fu rubata in casa. Credo che fossero armi de’ Goti, e il taglio se ne servissero negli affronti a spaccar Targhe, la testa poi per rovinare le Antichità; e le istesse immagini ho viste nelle rovine dell’Arco di Claudio, che erano maggiori due volte di questo schizzo e furono trovate con le istesse figure.

18. Il Cavallo di Campidoglio di bronzo fu ritrovato in una vigna incontro le Scale Sante a San Gio. Laterano, e stando in terra molti anni, non tenendosene conto, fu creato Sisto IV e lo dirizzò nella Piazza Lateranense con un bel piedistallo di marmo, con la sua arme, ed Epitaffio col suo nome, ed ivi è stato al tempo di Paolo III, quale lo condusse in Campidoglio, e fecegli fare un piedistallo da Michel’Angelo, e fu guasto un pezzo di fregio, ed architrave di Trajano, perchè non si trovava marmo sì grande; e perchè detto Cavallo fu trovato nella proprietà del Collegio Lateranense, per questo