Pagina:Roma Antica 4.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20 MEMORIE

vedono molti andamenti d’acqua, tra quali vi è una gran botte, ricetto di acqua, cosa notabile per la sua magnificenza.

44. Ho sentito dire, che Paolo III levò dal Cortile de’ Colonnesi, dove al presente abita il Cardinal di Fiorenza, quelli due prigioni, che sono in capo la scala del Palazzo del Cardinal Farnese1, ma credo fussero da’ moderni trasportate in detto Cortile, mentre conoscendosi manifestamente essere di mano del Maestro della Colonna Trajana, si puol credere fossero sopra uno di quelli Archi, che stavano nel Foro di essa Colonna da quella parte, che volta verso loro; e nel fondare alcune loro fabbriche si dovettero trovare.

45. Parimente al tempo di Sisto V presso San Lorenzo in Lucina dalla parte verso Campo Marzo, il Cavalier Fontana vi trovò una gran Guglia2 di granito Egiziaco; e pervenuto all’orecchio di Sua Santità, commise, che si scoprisse, con intenzione di dirizzarla in qualche luogo; ma detto Cavaliere trovandola mal trattata dal fuoco, e datone raguaglio a Sua Santità, fu risoluto di lasciarla stare.

46. Fuori di Porta S. Pancrazio nella Vigna di Antonio Gallese, nel cavarvisi, si trovarono una quantità di sepolture con Epitaffi di marmo, tra quali ve n’era uno che diceva solo Æternali somno, ed un altro In tempore, quod non comburitur; ma se saranno stati visti da D. Pier Leone Castelli, come intelligente, ne averà cavato il sugo.

47. Mi ricordo, che a Sant’Agnese, fuori di Porta Pia, vi sono state trovate molte Grotte alte un uomo, larghe circa cinque palmi, tutte foderate con lastre di marmo, non sapendo giudicare a che servissero: ma essendovisi trovate dell’ossa, si crede fossero de’ Martiri, i quali in quel luogo stessero per paura de’ Tiranni.

  1. Si vedono anche al giorno d’oggi le due Statue qui riferite avanti la magnifica porta della gran Sala Farnese.(Not. V. Ed.) Oggi si veggono in Napoli,
  2. Questa è la gran Guglia, che si trovava in Campo Marzo, estratta nel Pontificato di Benedetto XIV di cui abbiamo abbastanza parlato nelle Note alla Roma Antica del Nardini al suo luogo.