Pagina:Rousseau - Il contratto sociale.pdf/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 222 —


indiscreto di quel supremo magistrato nei primi tempi, ma il pericolo d’avvilirlo; imperciocchè prodigandolo ad elezioni, a dedicazioni, a cose di pura formalità, era da temersi che non diventasse men formidabile in caso di bisogno, e che non si avvezzassero a considerare qual titolo vano ciò che non si adoprava se non per vane cerimonie.

Verso la fine della repubblica i Romani fattisi più circospetti, furono altrettanto ritrosi nel conferire la dittatura quanto ne erano stati prodighi in altri tempi. Era facile a vedersi, che il loro timore era male fondato; che la debolezza della capitale formava allora la sua sicurezza contra i magistrati che aveva nel suo seno; che un dittatore poteva in certi casi difendere la libertà pubblica senza potervi giammai attentare; e che i ferri di Roma non sarebbero fabbricati in Roma stessa, ma in mezzo a’ suoi eserciti. Quel po’ di resistenza fatta da Mario a Silla e da Pompeo a Cesare chiaro dimostrò che cosa aspettar si potesse dalla autorità interna contra la forza esterna.

Quello fu un grave errore: come fa un