Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1858, I-II.djvu/517

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
130 coriolano


Br. Di buon grado; ma il mio consigliò era più convenevole, che il vostro rifiuto d’ascoltarmi.

Men. Egli ama la vostra plebe; ma non vogliate che s’immischii familiarmente con lei, e, obbliando il suo grado, scenda al livello di essa. Degno Cominio, parlate. (Coriolano s’alza, e fa per uscire) — No, rimanetevi al vostro seggio.

Sen. Sedete, Coriolano; non arrossite per udire le vostre nobili geste.

Marz. Illustri Senatori, perdonate; amerei meglio di dover guarire ancora le mie ferite, anzichè udir ripetere come le ricevetti.

Br. Spero, signore, che non saranno state le mie parole che vi han fatto abbandonare il vostro posto.

Marz. No, signore; nullameno sono spesso fuggito in guerre di parole, mentre immoto rimaneva a quelle di colpi. Voi non mi adulate; onde non mi fate oltraggio: quanto ai vostri plebei, io gli amo per quel ch’e’ valgono.

Men. Vi prego, sedete.

Marz. Più volentieri starei assiso dinanzi ai raggi del sole, immerso in molle ed oziosa indolenza1, mentre squillasse l’allarme, che ascoltar qui, inoperoso, il racconto turgido de’ miei poveri fatti.     (esce)

Men. Capi del popolo, come potrebbe un tal eroe adular le vostre moltitudini, in cui non si trova un dabbene fra mille? egli che, dopo aver rischiata la sua vita per l’onore, rifiuta di porgere ascolto alla narrativa delle proprie opere? — Incominciate, Cominio.

Com. La lena mi mancherebbe; e non è con fiacca voce, che si denno esporre le geste di Coriolano. Il valore è riputato la prima delle virtù, e la più onorevole per colui che la possiede. Il mondo non ha dunque uomo che possa reggere al paragone dì quello a cui accenno. Di sedici anni, allorchè Tarquinio si fece un partito in Roma, Coriolano guerriero sorpassò tutti i Romani. Il dittatore che allora comandava, e che la mia mano addita qui con rispetto, vide quell’adolescente, colle guancie di giovine Amazone, cacciare in fuga innanzi a sè soldati incanutiti sotto le armi. Diritto, al di sopra d’un Quirito ucciso che col suo corpo ricopriva, immolò, al cospetto del console, tre nemici avventatisi sopra di lui. Osò assalire Tarquinio stesso, e lo ferì in un ginocchio. In quel giorno famoso, in una età in cui avrebbe potuto compiere le parti di giovinetta sui nostri teatri, primo si

  1. Scratching my head. Alla lettera: grattandomi il capo.