Pagina:Saggio di racconti.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cecchin salviati 127

loro ardimento, recarono le salvate reliquie nel chiasso di messer Bivigliano in casa di Michelangiolo padre di Francesco1.

Così all’amore dell’arte e al coraggio di un giovinetto di 17 anni e di un fanciullo di 13 dobbiamo l’integrità di uno dei più belli ornamenti della piazza della Signoria.

LA PESTE

I pericoli e i danni dell’infelice Italia ogni di più s’accrescevano; gl’imperiali proseguivano a guastarne le campagne, a saccheggiare le città, a contaminarne con stragi e con atti nefandi ogni parte. Il papa s’era collegato con essi a’ danni di Firenze; e pareva che l’ultimo sforzo di tante nimistà, di tanti odii, di tante armi, si dovesse tutto rovesciare su lei. Vero è che un popolo animato dall’amor dell’indipendenza, ripiglia vigore dall’estremo dei guai; e fu mirabile l’intrepidezza dei Fiorentini, che soli, in mezzo a tanti rischi osarono dichiarare apertamente di non voler più i Medici, e d’esser preparati a morire per la libertà. Laonde venuta il 12 Maggio 1527 la notizia dell’orribile sacco dato a Roma il 6 dalle genti del Borbone e dai così detti Lanzi, e che il papa Clemente era a mal partito e

  1. «Donde avutili poi il duca Cosimo, gli fece col tempo rimettere al loro luogo con perni di rame.» Vasari Vita di Cecchin Salviati.