Pagina:Salgari - Al polo australe in velocipede.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xi. - sull’oceano antartico 101


— Urràh per la Stella Polare! urlarono i marinai.

— Il mare è libero dinanzi a noi! gridò Linderman. Sia ringraziato Iddio!

— Ed io vedo un fuoco, disse una voce. Che laggiù si cucinino delle bistecche?..... Per bacco! Sarebbero le benvenute.

— Un fuoco! esclamarono Wilkye e Linderman.

— Volete che sia cieco? chiese Bisby, che era stato lui ad annunciarlo. O laggiù si fa cucina o si fondono questi dannati ghiacci.

Linderman, Wilkye e il capitano Bak guardarono nella direzione che il negoziante indicava e videro infatti, verso il sud-est, brillare attraverso il nebbione un fuoco che s’alzava e si abbassava.

— Che sia una nave? chiese Linderman. I balenieri si spingono fino sulle coste delle Terre di Trinity e di Palmer.

— È impossibile, disse il capitano. Con questa nebbia non si può scorgere un fanale.

— Può essere il fornello che serve alla liquefazione del grasso di balena.

— No, è impossibile, signore. Quel fuoco è lontano e per scorgerlo deve avere dimensioni gigantesche.

— Che siano dei naufraghi?

— Non lo credo. Non vedete che ora s’innalza ed ora si abbassa? Deve essere una grande colonna di fuoco.

— Ditemi capitano, chiese Wilkye. Credete che siamo vicini alle Shetland?

— Temo di vederle sorgere dinanzi a noi da un momento all’altro.

— E di aver oltrepassato le isole degli Elefanti e del Re Giorgio?

— È possibile, signore. Due ore fa mi parve di aver