Pagina:Salgari - Al polo australe in velocipede.djvu/136

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
128 al polo australe in velocipede


— Vi manca nulla? chiese Linderman a Wilkye, che numerava con grande attenzione tutti quegli oggetti.

— No, signore, rispose l’americano.

— Allora riparto.

— Vi auguro di raggiungermi al polo.

— Ed io vi auguro che non vi possiate giungere, rispose l’armatore ruvidamente.

— Forse che vi spiacerebbe di dividere con me l’onore di aver scoperto il polo australe?

— Preferisco che lo scopra un inglese solo, anziché un inglese ed un americano.

— Lo vedremo, signore.

Gli si avvicinò e gli stese la mano, ma l’armatore fece un passo indietro dicendo:

— Non siete più mio ospite ma un rivale e un accanito rivale. La guerra è dichiarata fra noi.

— Conto però sul vostro ritorno per riguadagnare l’America: tale è il patto.

— Lo manterrò se......

— Che cosa? chiese Wilkye, aggrottando la fronte. Sareste capace voi......

— No, esclamò l’armatore. Datemi la mano, signor Wilkye, voi siete troppo generoso e quantunque rivali, lottiamo pel trionfo della scienza.

Si strinsero cordialmente la mano e si lasciarono augurandosi un felice viaggio. Bisby, commosso, gettò le braccia al collo dell’armatore e discese sul banco urlando:

— Urrah per il polo!......

La Stella Polare aveva ritirato l’ormeggio. Lanciò un fischio acuto che si ripercosse stranamente su quelle immense muraglie di ghiaccio e ripartì a gran vapore verso il sud, filando fra le isole e la costa.