Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


banco. La nave era quasi in mezzo alla baia, quando a poppa avvenne un urto seguìto da uno scricchiolìo sinistro.

– Stiamo per toccare!... – esclamarono i timonieri.

La Garonna virò di bordo, ma nel virare il timone urtò contro una roccia a fior d’acqua, spezzandosi a metà.

– Giù le ancore! – urlò il capitano.

Le due ancore di prora furono date a fondo; la Garonna retrocesse di alcuni passi, descrivendo un semicerchio su se stessa.

– Salvi! – esclamarono i marinai.

– Non ancora, amici miei – disse il secondo.

– E perché? – chiese il capitano.

– Questa costa è a noi sconosciuta e chissà che là dietro quelle rocce non ci siano delle centinaia di selvaggi.

Il capitano scoppiò in una sonora risata e corse a prora.

La notte cominciava a scendere. Il capitano Parry, malgrado le preghiere del secondo, voleva recarsi a terra, ma visto che i marinai erano poco disposti a seguirlo in quell’ora, e su quella costa sconosciuta, si vide costretto a rimandare l’esplorazione all’indomani.

Temendo una qualche sorpresa notturna, fece raddoppiare gli uomini di guardia, spegnere tutti i lumi, e caricare i cannoni.

Banes e Bonga facevano parte degli uomini di guardia. Il brasiliano dopo l’ultima rissa avuta col capitano, si era rinchiuso in un silenzio feroce. A chi l’interrogava non rispondeva che a monosillabi e con ruvidezza.

Bonga visto che il brasiliano era diventato avaro di parole, lo aveva imitato.

Quella notte però volle sapere ciò che pensava il suo camerata e quali progetti stava meditando. Per alcuni istanti si mise a guardarlo, poi appoggiandogli una mano sulla spalla gli chiese:

– Amico bianco, tu sei di cattivo umore è vero? Non parli più nemmeno al tuo amico negro.

Banes si volse guardando in silenzio l’ex schiavo, come se non l’avesse compreso.

– Non mi hai capito? – chiese Bonga.

– Cosa vuoi da me? – chiese il marinaio, con accento cupo.

– Che cosa voglio? Volevo chiedervi cosa pensate della nostra situazione.

– Cosa vuoi che ti dica? Mi sembra che peggiore non potrebbe essere.

– Evvia! Non disperate; chissà che non venga il dì della vendetta e della nostra liberazione e forse prima che voi lo pensate.

– Che non disperi? – mormorò il brasiliano con ironia. – È tanto tempo che sento ripetere questa parola. Ho sperato invano per lungo tempo e ora non ho più alcuna fiducia.

– Dio punisce i malvagi, presto o tardi, Banes.