Pagina:Salgari - Gli scorridori del mare.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CUBA}}


La situazione intanto si aggravava sempre. Il capitano inquietissimo camminava da mane a sera pel ponte, poco curandosi del calor torrido che regnava in coperta. Il secondo se ne stava sempre rinchiuso nella sua cabina, parte ubriacandosi e parte dormendo: l’ufficiale passeggiava qua e là agitato, seguendo il suo comandante. Di tratto in tratto Solilach si fermava presso il boccaporto, porgeva ascolto alle grida rauche e soffocate dei negri, che chiedevano continuamente:

– Acqua! Acqua!

– Se continua così, non porterò vivo un solo schiavo a Cuba! – esclamò il capitano con rabbia.

– È vero – rispose l’ufficiale asciugandosi la fronte madida di sudore. – Se il vento non viene a rinfrescarci un po’, non so come la finirà per noi.

– Sempre calma, sempre calma! – esclamò Solilach con voce rauca.

– Pare che siamo sfuggiti all’incrociatore per venir a morire sotto la zona torrida.

– Ah! Darei un anno della mia vita per avere un secchio d’acqua fresca o almeno un po’ di vento. Decisamente questo quinto viaggio mi porterà sventura.

– Che non si rompa questa calma?

– Ci vorrebbe un uragano.

– E non si vede una nube, signore.

– Questa è una zona fatale. Tre anni or sono, in questi stessi paraggi, ho incontrato un vascello portoghese, con tutto l’equipaggio morto di sete.

– Sì, era il Gommez Lusiades, me lo rammento bene – disse l’ufficiale sospirando.

– Perché sospirate? – chiese il capitano, notando che la faccia dell’ufficiale si alterava.

– Avevo un fratello a bordo di quel legno.

– Speriamo che a noi non tocchi la medesima sorte – disse Solilach.

Quattro giorni trascorsero ancora; la febbre gialla era alquanto diminuita, ma la calma perdurava. Il cielo, sempre infiammato, riversava sul mare torrenti di fuoco, e pareva che volesse bruciar la nave ed assorbire l’oceano.