Pagina:Salgari - I naviganti della Meloria.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Alla roccia, Roberto! Lasciami il passo libero, potrei ingannarmi e ucciderti!

– No, padrone – rispose il giovane.

– Fuggi, ti dico!

Mentre Roberto cercava di allontanarsi, padron Vincenzo si sentiva riafferrare dallo slavo. Il gigante, anche nella sua pazzia, pareva che avesse conservato ancora un barlume di lucidità, poiché disse con voce rauca:

– Ti tengo, padrone! Ti ucciderò onde non mi rubi il tesoro!

Poi le sue mani poderose si strinsero attorno al collo del lupo di mare.

– Lasciami o ti uccido! – gli gridò padron Vincenzo.

– No!

– Guardati Simone!

– Bisogna morire, padrone! – ruggì il pazzo.

– A noi due adunque! Prendi, canaglia!

Fra quella paurosa oscurità, in mezzo a quelle acque tenebrose, s'impegnò una lotta disperata fra il pazzo ed il lupo di mare.

Stretti l'uno all'altro, ora s'inabissavano, ora salivano a galla, poi tornavano a scendere senza per questo abbandonarsi.

Simone non aveva lasciato il collo di padron Vincenzo, anzi stringeva sempre più con furore, urlando di tratto in tratto:

– Bisogna morire, padrone!

Il lupo di mare già mezzo soffocato, dopo d'aver tentato di liberarsi da quella stretta, con un poderoso colpo di tallone rimontò a galla seco trascinando l'avversario ed impugnò il coltello.

– Lasciami, Simone! – rantolò.

– Bisogna morire! – ripeté il pazzo.

– Ti uccido!

Alzò l'arma e la cacciò tutta intera nel petto dello slavo.

Questi parve dapprima che non si fosse accorto del colpo ricevuto, poiché non abbandonò il collo dell'avversario. Anzi gli si strinse addosso con maggior furore e circondandogli il corpo colle gambe, lo trasse ancora sott'acqua. Padron Vincenzo non oppose resistenza e si lasciò trascinare a picco. Ad un tratto però la stretta s'allentò bruscamente e si sentì libero.

Risalì prontamente alla superficie. Nel momento che sporgeva la testa dall'acqua, udì presso di sé un cupo gorgoglìo che pareva prodotto dal rimontare d'un altro corpo, poi come un rantolo soffocato.

– Ancora tu Simone? – gridò.

Nessuno rispose. Il pazzo era scomparso negli abissi della miniera.

– Vincenzo! Vincenzo! – gridarono in quell'istante Michele ed il dottore. – Gran Dio! Che cosa succede?

– Tutto è finito – rispose il lupo di mare, nuotando rapidamente verso la roccia, come se avesse ancora paura di essere inseguito dal pazzo.

– E Simone?

– Morto!

– L'avete ucciso? – chiese il signor Bandi.