Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Era di statura media, con membra piuttosto massicce, petto bene sviluppato, col collo sottile e notevolmente lungo, colla faccia piatta e larga, gli zigomi alti, gli occhi leggermente obliqui e la sclerotica giallastra.

La sua pelle era d'un giallo un po' sporco, quasi brunastra e la sua coda nerissima e molto lunga.

Come tutti i coolies, portava un paio di calzoni molto ampi che formavano come una doppia piega sul ventre, ed una casacca di tela grossolana di colore azzurro, colle maniche assai larghe e ai piedi aveva grosse scarpe colla suola di feltro e la punta quadrata.

Udendo la domanda del commissario, formulata in lingua portoghese e che il capo dei coolies parlava benissimo, si volse dicendo:

– Non domando altro che si metta un termine ai tormenti che ci infligge il comandante. Ci dia acqua e viveri a sufficienza, ci permetta di salire, un po' per volta, in coperta a respirare un po' d'aria pura o noi scateneremo tale uragano da subissare la nave e da sterminare fino all'ultimo, gli uomini che la guidano.

Queste parole, pronunciate con accento minaccioso, invece di fare impressione sul gigante, parve lo rendessero maggiormente furibondo.

– Ah! – gridò, prima impallidendo e poi arrossendo. – Voi, canaglie, pretendete impormi delle condizioni? Vedrete fra poco se la mitraglia calmerà i vostri nervi! Francisco, fa' portare sul ponte una cassa di granate e voialtri preparate un laccio per fargli conoscere un po' cosa sia la cala! Con un buon lavaggio gli leveremo di dosso la peste.

– Che cosa volete fare di quest'uomo? – gli chiese il commissario.

– Quello che mi accomoda – rispose brutalmente il gigante. – Vi farò vedere se a bordo del mio legno il padrone sono io o voi.

– Ve lo proibirò.

– Voi?

– A me marinai! Io sono l'agente del governo! – gridò il commissario. – Chi non mi obbedisce, subirà il rigore delle leggi peruviane.

Era un appello assolutamente inutile, perché nessuno di quella collezione di birbanti, si mosse.

Anzi alcuni avevano afferrate le scuri e le aspe dell'argano, pronti a sostenere il comandante.

Solamente l'ufficiale argentino aveva fatto un passo innanzi.

– Lo vedete? – chiese Carvadho, con voce ironica. – I miei uomini se ne infischiano delle leggi peruviane.

Ad un suo cenno i malesi si erano precipitati improvvisamente sui due fratelli, disarmando il più giovane della pistola.

– Chiudete questi signori nella loro cabina – disse Carvadho. –