Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


frutto, agli assalti di quei feroci isolani e alle formidabili punte corallifere che lacerano le carene meglio costruite?

– La vedete? – aveva chiesto il marinaio.

– Sì – aveva risposto Ioao.

– Appartiene agli Avvoltoi, ne sono sicuro.

– Che sia quella che precedeva l'Alcione? – chiese Sao-King.

– Certo – rispose Joe.

– Che vada a spiare l'ancoraggio della Groninga?

– Vorrà assicurarsi della direzione presa dalla nostra nave. Quei birbaccioni non dovevano essere tranquilli.

– Viene dalle coste settentrionali, è vero? – chiese Ioao.

– Sì – rispose il marinaio.

– Allora il covo dei pirati deve trovarsi lassù.

– Vediamo prima dove va quella goletta – disse Sao-King.

Si nascosero dietro un cespuglio, seguendo cogli sguardi il piccolo veliero, il quale continuava ad inoltrarsi nello stretto approfittando della fresca brezza mattutina.

Il suo equipaggio aveva spiegate le due rande e le controrande e una vela di pappafico sopra la crocetta del trinchetto, imprimendo alla goletta una velocità straordinaria.

– È una vera nave da corsa – disse Joe, che la seguiva attentamente. – Ed ha sulla sua tolda della gente che manovra perfettamente. Se la Groninga vorrà darle la caccia, avrà molto da fare per raggiungerla.

– Rimarrà indietro – disse Sao-King, che ne sapeva quanto il marinaio. – Il vostro vascello è troppo pesante.

– È vero, cinese.

– Che mio fratello ed il signor Vargas siano a bordo di quel legno? – disse Ioao, con voce commossa.

– Si troveranno nel covo di quei banditi, guardati a vista – rispose Joe. – Quella goletta sta eseguendo una semplice perlustrazione e cerca la Groninga. Guardate! Sta già per virare di bordo di già.

La goletta spintasi al largo tre o quattro miglia per meglio dominare lo stretto, era tornata verso l'est descrivendo un ampio semicerchio attorno ad un gruppetto d'isole che si vedeva in quella direzione.

Per qualche ora scomparve dietro quelle minuscole terre, poi si mostrò ancora una volta verso la punta settentrionale di Mera, quindi, dopo d'aver imbrogliata la sua randa di maestra ed il pappafico, si celò fra le scogliere.

– Il covo dei banditi si trova in quella direzione – disse Joe. – Camminando velocemente, questa sera possiamo accamparci sulla punta settentrionale dell'isola.

– E forse non lontani dal luogo ove quei ladroni si nascondono – aggiunse Sao-King.