Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Sentiva per istinto che qualche terribile avvenimento si maturava nel frapponte, fra quei quattrocento demoni, ridotti all'ultima esasperazione dai mali trattamenti ed anche dalla peste che continuava ad infierire fra di loro, falciando ogni giorno quattro o cinque vite umane.

– Camminiamo su una polveriera – diceva di frequente al bosmano.

Per non farsi sorprendere, aveva dato ordine di tenere i due pezzi carichi a mitraglia ed aveva fatto portare in coperta quattro casse di lacera-piedi.

Queste sono forse più terribili della mitraglia.

Sono pallottole di ferro irte di punte aguzze che si spargono per la tolda, fra il cassero ed il castello di prora.

Essendo i coolies quasi tutti a piedi nudi, in quei piccoli oggetti trovano un ostacolo insormontabile, ed arrestano di colpo i loro assalti.

In causa del rollìo o del beccheggio della nave, le palle corrono in tutte le direzioni e rovinano atrocemente i piedi nudi degli assalitori.

È perciò che quasi tutte le navi incaricate del trasporto dei cinesi hanno sempre a bordo una grossa provvista di quei pericolosi gingilli.

Non credendosi ancora sicuro, il capitano Carvadho aveva cercato di parlamentare, attraverso la grata, con Sao-King, promettendogli di migliorare le sorti dei suoi compagni se s'impegnava di mantenerli tranquilli fino allo sbarco, ma il cinese si era mantenuto in uno sdegnoso silenzio.

– Finirò coll'uccidervi tutti! – aveva gridato il capitano, furioso. – Volete la guerra? L'avrete!

E aveva dato ordine di ridurre ancora le razioni d'acqua e di cibo, non ostante le sagge osservazioni del bosmano e dell'ufficiale.

– Quando li avremo indeboliti completamente, vedremo che cosa sapranno fare – aveva risposto.

– Giungeremo in America con mezzo carico, comandante – aveva osservato Vargas.

– Avrò sempre sufficiente guadagno.

– Ed il commissario, l'avete dimenticato?

– Né lui né suo fratello saranno allora a bordo. Si mantenga la sentinella dinanzi la loro cabina fino a che li sbarcherò.

– Volete abbandonarli su qualche isola? Non fatelo, signore.

– Non ne incontreremo poche nel nostro viaggio.

– Vi comprometterete, capitano.

– Farò tacere per sempre quelle brutte cornacchie.

– Il governo peruviano farà una inchiesta.

– Si dirà ai suoi rappresentanti che il commissario e suo fratello sono morti di peste.

– È una infame azione, capitano.