Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Non abbiamo tempo di farlo – disse Dik. – Pensate che la marea può sorprenderci in questo passaggio e affogarci come topi. Venite.

Il bandito si era inoltrato nella seconda galleria. Il fragore che produceva la corrente era così forte che non si udivano più le grida stonate degli Avvoltoi dello Stretto.

Era un rombo assordante che faceva una viva impressione sull'anima di tutti, quantunque ormai sapessero da che cosa proveniva.

Dopo venti o trenta metri, Dik avvertì i compagni che erano giunti sulla riva del torrente.

– Avremo l'acqua fino alla cintura – disse. – Tenetevi stretti o verremo travolti.

– È largo? – chiese Joe.

– Solamente due o tre metri.

Scesero la riva e si cacciarono animosamente in acqua; ma fatto qualche passo, Dik retrocesse vivamente mandando un grido di dolore.

– Per l'inferno! – esclamò, guadagnando lestamente la riva.

– Silenzio – disse Joe. – Volete tradirci?

– Ho le gambe che sanguinano – rispose Dik.

– Avete urtato contro qualche punta?

– No: le murene mi hanno morso crudelmente le gambe!

– Mille cannoni! – esclamò Joe. – Le murene qui!

– Ne ho sentita una grossissima scivolarmi fra le mani.

– Non ci mangeranno già in quattro bocconi.

– Provatele!

– Le murene di questi mari sono terribili – disse Sao-King.

– Da dove viene quest'acqua adunque? – chiese Joe.

– Da qualche caverna sottomarina di certo – rispose Dik.

– Eppure non possiamo rimanere qui – disse Ioao. – La marea può sorprenderci.

– Ecco un ostacolo che non prevedevo – brontolò Joe.

– Passiamo egualmente – disse Sao-King. – Retrocedere è impossibile; io non lo farò mai.

– Sì, passiamo – disse Ioao. – Coltelli in mano e avanti.

– A me il primo – disse il marinaio.

Saltò in acqua menando coltellate a destra ed a manca. Una di quelle feroci anguille si attaccò alle sue gambe mordendogli un polpaccio, ma abbandonò subito la preda.

Il marinaio con un colpo l'aveva decapitata.

Un'altra invece morse crudelmente Sao-King ad una coscia senza che il bravo cinese mandasse un grido, quantunque si fosse sentito strappare un pezzo di carne.

Il torrente però era stato superato ed i quattro uomini s'erano trovati riuniti sulla riva opposta.