Pagina:Salgari - I solitari dell'Oceano.djvu/268

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Non resta da farsi che una cosa sola – disse Dik.

– Parlate – dissero Cyrillo e Joe.

– Tornare alla vostra nave e far inseguire la goletta.

– Mi pare l'unico piano possibile.

– Ne avremo il tempo? – chiese Sao-King. – La Groninga è nel golfo di Carpentaria.

– Quando i pirati intraprendono una scorreria rimangono in mare quattro o cinque giorni – disse Cyrillo. – La fregata potrà quindi raggiungerli o all'uscita dello stretto e nel mare del Corallo.

– Signori, – disse Joe, – partiamo e andiamo a cercare la nostra baleniera.

– Non giungeremo alla scogliera prima di mezzodì – osservò Sao-King.

– Ed alla mezzanotte potremo trovarci nelle acque del golfo di Carpentaria – disse Ioao.

– Vuotiamo la bottiglia per rimetterci in forza e mettiamoci in marcia – concluse Joe.

Stavano per alzarsi, quando Dik, dopo qualche esitazione, chiese:

– Ed io!

– Verrete con noi – disse Joe.

Il bandito fece una smorfia.

– E se il vostro comandante mi appiccasse?

– Vi abbiamo detto di accordarvi la vita e anche la libertà – disse Ioao. – Il signor Wan Praat non farà obbiezioni, ve lo prometto.

– E poi, non mi fiderei a lasciarvi qui – aggiunse Joe, ridendo. – Potreste pentirvi d'averci guidati e tornare presso i vostri compagni.

– Avete torto a diffidare – rispose Dik. – Vi ho già dato sufficienti prove della mia fedeltà; ma giacché lo desiderate vi seguo perché conto sulla vostra promessa.

– E noi sapremo mantenerla – disse Ioao. – È vero fratello?

– M'impegno io di farvi accordare un perdono completo dal comandante della fregata – rispose Cyrillo.

– Ed io vi sarò ancora utile quando assalirete il covo degli Avvoltoi.

– Basta, partiamo – disse Joe. – La via è lunga e l'alba non è lontana.

Vuotò l'ultimo sorso di ginepro e diede il segnale della partenza facendosi precedere da Dik il quale, conoscendo l'isola, si era promesso di condurli nella baia, attraversando i boschi onde abbreviare la via.

Quando il sole comparve all'orizzonte, svegliando le splendide colombe coronate scintillanti d'oro e d'azzurro a riflessi ramigni ed i superbi loris fiammeggianti, le leggiadre kacatoe ed i pappagalli dalle mille tinte, il drappello aveva già percorso più di tre miglia, avanzandosi sempre attraverso i boschi.