Pagina:Salgari - Il re della prateria.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


7.

UNA EMIGRAZIONE DI BISONTI


Era tempo! L'immensa mandria di bisonti stava per investirli. L'avanguardia, composta di parecchie centinaia di maschi, armati di robuste corna, non era che a poche centinaia di passi, e si avvicinava galoppando disordinatamente attraverso le alte erbe, facendo tremare il suolo ed emettendo dei muggiti profondi.

Dietro a quella si vedeva avanzarsi il grosso della truppa in una massa serrata, composta di migliaia di femmine, di piccoli e di altri maschi, i quali occupavano le ali per tenere indietro le bande di lupi che galoppavano, ululando, in tutti i sensi, cercando d'isolare qualche capo di selvaggina.

Il numero di quei grossi ruminanti era tale, che fin dove giungeva lo sguardo, si vedeva una massa confusa muoversi e rimuoversi, facendo un baccano da assordire.

Quantunque i viaggiatori sapessero che i bisonti, se non sono assaliti, non sono pericolosi, pure nel vedere avanzarsi di galoppo tutte quelle masse di carne dalle teste villose e tanto solide da sfidare le palle dei fucili e nell'udire quel concerto di muggiti, si erano arrestati, colpiti da un senso di vero terrore.

– Si direbbe che io ho paura – disse il marchese a Sanchez, che forse era il solo che si manteneva tranquillo e che guardava