Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220 emilio salgari

caverna molto ampia, dalle arcate spaziose, coperta di stalattiti le quali si incrociavano bizzarramente.

In un angolo Ottone ed i suoi compagni videro subito scintillare un ammasso di polvere giallastra che aveva dei bagliori fulvi.

— Ecco il tesoro! — dichiarò l’inglese.

I tre aeronauti si erano precipitati innanzi, mandando un grido di gioia e di stupore.

Quell’ammasso era di polvere d’oro mescolata a pepite grosse come ceci.

L’inglese aveva detto il vero. Là ve n’era per lo meno una tonnellata e mezza.

— Oro, oro puro! — aveva esclamato Ottone, tuffandovi le mani. — Amico, qui vi sono dei milioni da raccogliere.

— Mi viene la voglia di buttarmi lì in mezzo e di seppellirmici dentro — disse Matteo. — Non ho mai veduto un tesoro uguale.

— Chi può aver radunato qui tutta questa polvere? — chiese Ottone, che stentava a mantenersi calmo dinanzi a tanta ricchezza.

— Pare che siano stati gli antichi abitanti di Kilemba — rispose l’inglese. — Mi hanno raccontato che molti anni or sono un sultano, che forse conosceva il valore dell’oro, aveva dato ordine di raccogliere tutta la polvere gialla che si trovava nel paese e di accumularla in questa caverna. Morto in guerra il sultano, il tesoro fu trascurato perchè ritenuto di nessun valore.

— Vi sono qui per lo meno venti milioni di franchi — disse Matteo.

— Che io cedo tutti a voi in ricompensa della mia liberazione.

— No, voi avrete la vostra parte — disse Ottone. — Solo a questa condizione noi lo accetteremo.

— Farete quello che vorrete — rispose l’inglese, sorridendo.

Chiamò gli schiavi e ordinò loro di caricare tutta la polvere che si trovava nella caverna, raccomandando di non disperderla. I negri avevano già riempiti dieci canestri, quando in lontananza si udirono rimbombare improvvisamente alcune scariche.