Pagina:Salgari - Il treno volante.djvu/240

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
236 emilio salgari


— Vi è una corrente d’aria che viene dal fondo della galleria! — esclamò con voce rotta dalla gioia. — Ciò significa che vi è qualche apertura comunicante con l'esterno.

— Sarà tanto vasta da permetterci l’uscita? — disse Ottone.

— Lo vedremo.

L’inglese si cacciò in quella spaccatura e si trovò in una specie di corridoio molto basso e molto stretto, il quale scendeva rapidamente.

Seguito quindi da vicino da Ottone, da Matteo e dall’arabo, s’inoltrò per duecento passi; poi si trovò dinanzi ad una piccola caverna circolare.

Dalla volta, molto alta, cadeva un fascio di luce.

— Ecco il luogo donde entra l’aria!

L’apertura che si vedeva in mezzo alla volta era di forma quasi circolare e pareva sufficiente a permettere l’uscita ad un corpo anche ben rotondo. Tutta la difficoltà stava nel salire fino a quell’apertura.

— Siamo salvi! — esclamò Matteo.

— Adagio, amico — disse Ottone. — Vi sono almeno sei metri e nè io nè tu siamo tanto alti.

— E non abbiamo nessuna scala — aggiunse l’arabo.

L’inglese invece taceva e pareva immerso in profondi pensieri.

— Cosa ne dite? — chiese Ottone, volgendosi verso l’ex-prigioniero.

— Io dico che usciremo di qui.

— In qual modo?

— Daremo la scalata a quell’apertura.

— Voi sapete che non abbiamo nemmeno un palo.

— Abbiamo qualche cosa di meglio.

— Spiegatevi.

— Le ceste dei nostri negri. Mettendole l’una sopra l’altra formeremo una colonna di quattro o cinque metri.

— Non cadrà?

— Le ceste sono molto larghe e riempiendole di polvere d’oro daremo alla colonna la stabilità necessaria.