Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


«Quando il mio sfortunato camerata fu legato, vidi uscire dalle file dei charruà un indiano dipinto metà in azzurro e metà di nero, carico di collane e di braccialetti formati di denti di caimani, di giaguari e di vertebre di serpenti e col capo adorno d'un enorme ciuffo di penne di pappagallo.

«In una mano teneva una specie di coltello formato con una conchiglia affilatissima e nell'altra una ciotola di terracotta.

«Il mostro s'avvicinò alla vittima che urlava in modo straziante e con un colpo rapido lo scannò lasciando scorrere il sangue nel canaletto e che subito raccolse nella ciotola.

«Stava per accostarsela alle labbra, quando stramazzò al suolo colpito da una palla.

«Avevo fatto fuoco sul miserabile senza pensare al pericolo a cui mi esponevo.

«Udendo questo sparo e vedendo cadere lo stregone della tribù, i charruà erano rimasti come inebetiti.»

– E avete approfittato del loro stupore per fuggire – disse Alvaro.

– Sì, signor Viana. Mi precipitai giù per la collina, correndo all'impazzata e quando udii le urla di rabbia degl'indiani e m'accorsi che si preparavano a darmi la caccia, ero già ben lontano.

«In pochi minuti attraversai lo spazio che mi separava dal fiume. E una terribile sorpresa mi aspettava.

«I miei compagni, credendomi ormai perduto, erano fuggiti lasciandomi solo fra quelle foreste e coi charruà alle spalle!»

– I vili! – esclamarono ad una voce Alvaro e Garcia.

– Mi credetti perduto – proseguì il castigliano. – Udivo le urla furiose dei charruà avvicinarsi con fantastica rapidità.

«In quel momento ebbi una ispirazione. Non avevo veduto nessuna canoa indiana sul fiume quindi supposi che i charruà non ne possedessero.

«Essendo un buon nuotatore, decisi di gettarmi in acqua. Era d'altronde la sola via di scampo che mi rimaneva.

«Se fossi tornato nella foresta, quei demoni non avrebbero tardato a scoprirmi e gettarmi più tardi sulla graticola sulla quale stavano cucinando il capitano ed i suoi marinai.

«Confidando nelle mie forze e nella mia abilità, mi gettai il fucile in ispalla, mi spogliai rapidamente delle vesti e balzai nel Plata, che in quel luogo era largo non meno di sei o sette chilometri.