Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Presero le loro armi e s'inoltrarono sotto gli alberi, spiccando qua e là qualche frutto, non avendo mangiato dal mattino.

Le urla dei guarà o lupi rossi diventavano sempre più acute. Quei lupi ingordi dovevano essersi gettati avidamente sui cadaveri e dovevano farne scempio.

Un quarto d'ora dopo il marinaio ed Alvaro giungevano sul margine della vasta radura.

Vi erano là, disseminati o distesi a gruppi, non meno di duecento guerrieri fra tupy ed eimuri, parte trafitti da frecce ed i più colle teste orrendamente fracassate dalle terribili mazze.

Numerosi guarà giravano fra quei poveri morti, azzannando or questi ed or quelli, urlando e mugolando, e stormi di avvoltoi reali, di caracari, di gaviaos che sono specie di sparvieri e di urubu, quegli insaziabili divoratori di carogne, calavano a prendere parte a quel colossale banchetto.

Diaz senza preoccuparsi dei lupi rossi, si avvicinò ad un gruppo di cadaveri e li osservò per qualche istante.

Vi erano mescolati insieme tupy ed eimuri, ancora strettamente abbracciati, come se anche dopo morti cercassero di lottare.

– Sì – disse poi. – Sono tupy quelli che sono stati sconfitti dagli eimuri. Li conosco benissimo dalle loro collane e dalle loro cicatrici. Non vedete questo indiano che ha dei profondi intagli sulle braccia? Sette! Doveva essere un famoso guerriero.

– Perché? – chiese Alvaro.

– Ogni cicatrice segna un nemico ucciso.

– Sono terribili dunque questi indiani?

– Guerrieri formidabili.

– Povero Garcia – disse Alvaro con un sospiro. – Potremo noi giungere in tempo per salvarlo?

– Vi ho detto che finché non l'avranno ingrassato non correrà pericolo alcuno. Torniamo alla canoa, signor Viana. Non sono ancora abbastanza forte per resistere alle marce.

– Dove dormiremo?

– Nella canoa; almeno saremo al sicuro da qualunque sorpresa.

Tornarono lentamente verso la savana, facendo raccolta di banani e anche di cocchi e s'imbarcarono spingendosi sempre verso il sud.

Verso la mezzanotte arenarono la canoa su un banco che sorgeva