Pagina:Salgari - L'Uomo di fuoco.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Nemmeno uno, Garcia. Finora nessuno ha pensato a occupare il Brasile, quantunque appartenga a noi dopo che il nostro compatriota Cabral ne ha preso, pel primo, il possesso.

– Ho udito però raccontare che gli spagnoli si sono impadroniti di territori immensi.

– È vero, Garcia, però sono molto lontani da noi i posti spagnoli e dovremmo attraversare quasi tutta l'America meridionale prima di giungere al Perù.

– Un viaggio immenso?

– Di migliaia e migliaia di miglia attraverso foreste vergini abitate da tribù di antropofaghi e da belve d'ogni specie. Non mi sentirei l'animo abbastanza forte per tentare un simile viaggio. Ho udito a parlare invece di alcuni stabilimenti francesi che devono trovarsi al sud del Brasile, presso la foce d'un fiume immenso che si chiama la Plata. Si potrebbe tentare di raggiungerli.

– Saranno pure lontani.

– So che quel fiume si trova al sud, non saprei dirti a quale distanza da noi – disse Alvaro.

– Ah! Signore! Credo che noi non usciremo più mai da queste selve e che non vedremo più mai né il nostro Tago né il viso d'un uomo bianco – disse il mozzo sospirando.

– Non dispero. So che delle navi armate da negozianti dell'Havre, sono più volte giunte sulle spiagge del Brasile a caricare un certo legno chiamato verzino da cui si trae una tintura bellissima, rossa come la lacca. Chi sa che non possiamo vederne qualcuna a giungere nella baia.

– Allora, signore, non allontaniamoci da queste coste.

– Anzi non le perderemo di vista e faremo delle frequenti escursioni al sud ed al nord di quel magnifico porto. Ecco che i batraci cominciano a mostrarsi stanchi. Approfittiamo per gustare un po' di riposo.

– E se qualche fiera approfittasse del nostro sonno per assalirci?

– Finora io non ho veduto altro che rane ed uccelli. E poi forse i pochi naviganti che sono approdati su queste coste, hanno esagerata la ferocia delle belve americane. Teniamo il fucile fra le ginocchia e gli spadoni a fianco e dormiamo.