Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Le testuggini dell'Orenoco 115

– Nessuno, cugino; puoi accertartene.

Alonzo si mise a percorrere la sponda in tutti i sensi, ma non trovò alcun segno che indicasse ove le uova erano state nascoste. Yaruri lo osservava sorridendo maliziosamente.

– Fulmini e lampi! – esclamava il giovanotto stizzito, frugando e rifrugando le sabbie, ma senza successo.

– A te, Yaruri – disse don Raffaele. – Se aspettiamo che mio cugino le trovi, la frittata si farà attendere fino a domani.

L'indiano si mise a percorrere la sponda con passo rapido, sulla punta dei piedi, ma con un'andatura inquieta. Ad un tratto si curvò, si mise a scavare la sabbia e mise allo scoperto un gruppo d'uova rotonde, un po' più grosse di quelle di gallina, che si trovava sepolto a otto o dieci centimetri di profondità.

– Ma io non ho veduto alcuna traccia sopra quella covata – disse Alonzo, che aveva seguito l'indiano.

– Le testuggini te l'ho detto, non ne lasciano e livellano le sabbie con cura estrema per impedire che le uova vengano trovate – disse don Raffaele.

– Ma come fanno allora a scoprirle?

– Non lo si sa... ma toh!... Cos'è questa traccia? – chiese, mostrando sulla sabbia una buca che aveva la forma d'un pesce, ma un po' arrotondata.