Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6 la città dell'oro

Puntò rapidamente il fucile che teneva in mano e senza attendere altro fece fuoco. Era ormai troppo tardi! La tigre americana aveva preso lo slancio ed era partita con impeto irresistibile, descrivendo una fulminea parabola.

Il fumo non si era ancora dileguato che l’imprudente cacciatore giaceva a terra. Il giaguaro gli stava sopra, pronto a stritolargli il cranio o ad aprirglielo con un formidabile colpo d’artiglio.

Raffaele aveva gettato un grido d’orrore. La scena era stata così rapida che gli era mancato il tempo di prevenire o d’arrestare lo slancio della belva.

A sua volta aveva puntata l’arma, ma la tema di sbagliare la mira e di colpire invece il cugino, lo aveva trattenuto. Gettò un secondo grido.

— Aiuto!...

D’improvviso vide aprirsi precipitosamente i cespugli, apparire un indiano armato di una di quelle pesanti mazze di legno di ferro che usano i rivieraschi dell’Orenoco e che chiamansi wanaya, armi formidabili che con un solo colpo sfracellano il cranio più resistente.

Senza pronunciare una parola, senza nemmeno gettare uno sguardo sul cugino d’Alonzo, con un coraggio temerario, quell’indiano piombò addosso al gia-