Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XIII.

I succhiatori di sangue

I due cacciatori, raccolte le armi e alcune bistecche di formichiere, s’affrettarono ad abbandonare quel luogo che diventava ormai malsicuro, essendosi spento il fuoco per mancanza di legna secca. L’urlo del secondo giaguaro si era udito verso un gruppo enorme di mauritie. Volsero le spalle e fuggirono in direzione opposta, cercando di non incespicare contro i tronchi degli alberi atterrati, i cespugli e le liane le quali formavano, talvolta, delle reti inestricabili.

Quantunque l’oscurità fosse molto profonda, poterono avanzarsi in quella nuova direzione per più di un’ora, senza incontrare nessun altro animale. Stavano per arrestarsi onde cercare un albero adatto per passarvi la notte, quando credettero di udire confusamente un sordo fragore.