Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
208 la città dell'oro

— Sì, Alonzo. Si uniscono in quindici o venti fra maschi e femmine e vivono nella migliore armonia, volando e cantando assieme. Anche i loro nidi li costruiscono in comune.

— E vanno d’accordo le femmine?

— Pienamente... ma, guarda laggiù, su quel cespuglio.

Alonzo guardò nella direzione indicata e vide sulla cima una specie di vaso coi margini rialzati, con una circonferenza di circa quattro piedi, costruito con pagliuzze di piante filamentose e con rami, ma intrecciati con poca arte, quantunque solidamente. Sopra quel vaso si scorgevano dieci o dodici uccelli occupati a covare gli uni vicini agli altri.

— Un nido di Ai? — chiese Alonzo.

— Sì, giovanotto mio — rispose il dottore.

— Ma non si mescolano le uova, trovandosi così unite?

— Talvolta, ma quelle brave madri non se ne danno per intese, anzitutto cercano di allungare le ali più che possono, per riparare le uova delle vicine.

— Quale ammirabile accordo! E quando i piccini sono nati?

— Le madri nutriscono tutti indistintamente. È cosa certa che ognuna riconosce i propri figli; ma prima