Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La prima minaccia dei figli del sole 299

— Io!... Mai!... Mi occorre la vita di Yopi!...

— Yaruri — disse l’indiano con tono grave. — Sei un Cassipagotto, alleato degli Eperomerii, un figlio dei discendenti del Sole come me e come tutti quelli delle nostre tribù.

— Non lo sono più: sono un indiano senza tribù.

— Yaruri, tu tradisci la patria.

— Yaruri non ha più patria.

— Tradisci il segreto secolare.

— Ma mi vendico di Yopi.

— Yaruri, noi siamo potenti.

— E gli uomini bianchi sono più potenti di voi.

— Non hai più partigiani.

— Tu menti.

— No, perchè nessuno avvicinerà un traditore.

— Non importa: ho con me gli uomini bianchi.

— Yaruri, ritorna, e Yopi promette di lasciarti andare libero.

— Mai!...

— Ti farai uccidere.

— Ma prima ucciderò Yopi.

— Vuoi la guerra?

— Sì, la voglio.

— Sventura a te ed agli uomini bianchi!

L’eperomero raccolse la cerbottana, si cacciò in