Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La leggenda dell'Eldorado' 23

— E sono tutti così, cugino mio, questi figli delle selve. Fieri, orgogliosi e soprattutto vendicativi.

— E traditori — aggiunse una voce.

I due cugini si volsero esclamando:

— Voi, dottore!...

— E giungo in buon punto, a quanto sembra. L’aria dell’Orenoco mette appetito.

— Ma la tavola è eccellente, dottore — disse don Raffaele.

— Lo so, ed è per questo che vengo a trovarvi di frequente.

— Troppo di rado, o mio caro Velasco. Vorrei vedervi più sovente ed avere più spesso un così amabile e soprattutto un così istruito compagno. Accomodatevi e date un colpo di dente a questi fagiani di fiume.

Il dottor Velasco non si fece pregare e si sedette fra i due cugini. Era un uomo che aveva varcato la quarantina come don Raffaele, alto, magro come un basco, ma tutto nervi. La sua pelle, cotta e ricotta dal sole equatoriale, era diventata già bruna come quella d’un meticcio, ed i suoi baffi avevano già cominciato a brizzolarsi.

Spagnolo come don Raffaele, aveva emigrato da giovane in America, soggiornando lunghi anni nel