Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/325

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'incantatore di serpenti 317

fondità della foresta, si mise in cammino passando su un tratto di terreno lasciato libero. Vedendo che i compagni non lo seguivano, fece a loro un gesto energico che voleva dire:

— Venite, o siete morti!...

— Andiamo — disse il piantatore, tergendosi il freddo sudore che bagnavagli la fronte. — Vicini a Yaruri, nulla abbiamo da temere.

Si misero dietro all’incantatore, il quale continuava a suonare. Subito tutti quei serpenti a loro volta si mossero, strisciando precipitosamente per non perdere una sola nota di quella musica.

— Yaruri! — disse Alonzo. — I rettili ci corrono dietro.

L’indiano fece col capo un gesto affermativo e continuò a camminare ed a suonare.

— Mille tuoni! — esclamò don Raffaele. — Cosa vuol fare questo dannato indiano?

— Non lo comprendete? — chiese il dottore.

— No.

— Vuole condurre l’esercito dei rettili contro Manoa. Quali nemici possono resistere a questo formidabile attacco?... Fuggiranno tutti, don Raffaele.

— E l’esercito ingrossa — disse Alonzo. — Vedo altri serpenti accorrere dalle altre parti della foresta.