Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/327

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'incantatore di serpenti 319

— Non li abbandoneremo — rispose Yaruri. — Ci difenderanno contro i nemici.

— Ma ti ubbidiranno?

— Sì, basta che suoni e non mi lasceranno più.

— Ma così tanto amano la musica?

— Immensamente, Alonzo — disse il dottore.

— Che brutta sorpresa per gli abitanti di Manoa, quando vedranno le vie della città pullulare di rettili!

— Sarà una fuga generale.

— Purchè non trovino il mezzo di respingerli — disse don Raffaele.

In quell’istante urla formidabili echeggiarono sotto i boschi e una volata di frecce fischiò fra i cespugli e gli alberi.