Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/331

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Un esercito di rettili 323

vigogna, abbellite da ricami d’oro e da disegni fatti con penne d’uccelli abilmente intrecciate.<refname="ftn9">Gli Inchi erano famosi in questi lavori.</ref> Dopo quella volata di frecce, gl’indiani avevano abbassato le cerbottane e le lance, come se avessero improvvisamente rinunciato ad ogni idea ostile. Poco dopo un indiano, adorno di orecchini, calzato di sandali di lana e con una grande ciarpa rossa a tre punte, distintivi che gl’imperatori peruviani non accordavano che ai valorosi, si fece innanzi agitando un drappo bianco.

— È un parlamentario — disse Yaruri, che si teneva celato dietro ad un folto cespuglio.

L’eperomero s’arrestò a quindici passi dai viaggiatori, gridando:

— Cosa vogliono da noi, gli uomini bianchi?

Don Raffaele si fece innanzi, senza però abbandonare il fucile.

— Noi, — disse, — siamo qui venuti per vedere la Città dell’Oro.

— La Città dell’Oro appartiene ai figli del Sole e nessun straniero, pena la morte, può vederla — rispose l’indiano.

— Noi abbiamo intrapreso un lungo viaggio per vederla.