Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78 la città dell'oro

Alonzo. — Che importa a noi se degli indiani si sono accampati qui?

— Sai tu perchè sono fuggiti, Alonzo? — chiese il piantatore. — È la loro rapida fuga che m’inquieta.

— Sono scomparsi pochi minuti fa?

— Sì — rispose l’indiano. — Appena ci hanno scorti si sono affrettati a coprire il fuoco colla sabbia ed a troncare la cena. Toccate: la cenere è ancora calda e questi gusci d’uova di testuggine sono ancora umidi e ciò significa che sono stati appena vuotati.

— Che qualcuno ci preceda? — mormorò il piantatore.

— A quale scopo? — chiese Alonzo.

— Non lo so... ma quel grido... la scomparsa dei due indiani, poi quel segnale misterioso sul fiume... Orsù, non pensiamoci per ora: attraversiamo il Capanaparo e andiamo ad accamparci sulla sponda opposta.