Pagina:Salgari - La Stella Polare.djvu/266

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


S. A. R., Cagni ed il capitano Evensen, curvi sulle murate, guardavano i ghiacci, portandosi ora a babordo ed ora a tribordo, mentre i marinai, coi buttafuori, cercavano di respingere i ghiacci che continuavano a sollevarsi fino ai bordi.

Fortunatamente le pressioni a poco a poco cominciarono a scemare di violenza. Le detonazioni ed i muggiti si fecero più rari, le colonne e le piramidi, spinte fuori dal banco dalla forza delle pressioni, diroccarono un'ultima volta, poi si manifestarono qua e là dei crepacci che si allungavano in tutte le direzioni.

– Il pericolo è passato – disse il primo macchinista al tenente Querini.

– Credete che le pressioni non si rinnovino?

– Pel momento no, signore – rispose il giovane nostromo.

– Potevano guastarci la nave?

– Sfondarla, signore. Nessuna forza può resistere alle strette dei ghiacci.

– Possiamo essere contenti della nostra nave.

– Sì, signor tenente. Ha subita la prima prova meravigliosamente, quantunque non abbia i fianchi rotondi come il Fram di Nansen, si è sollevata bene.

– Allora possiamo sperare che resista anche durante l'inverno.

– Lo sapremo più tardi, signore – rispose Andresen, sorridendo. – Chissà quali pressioni dovremo subire più a settentrione. Ecco laggiù dei nuovi canali: forse passeremo.

La Stella Polare, sfuggita alla terribile pressione, aveva ripresa la corsa assalendo rabbiosamente i banchi.

Tutti avevano fretta di uscire da quelle strettoie e di raggiungere il mare libero.

Il capitano Evensen, pratico di quelle regioni, aveva data l'assicurazione che non si tarderebbe ad incontrare acque libere, e quel lupo di mare non doveva ingannarsi nelle sue previsioni.

Fino al 4 agosto la Stella Polare poté spingersi, faticosamente, verso il nord, passando di canale in canale e assalendo i ghiacci che la stringevano da tutte le parti, poi fu nuovamente arrestata verso l'80° di latitudine nord, nei pressi dell'isola Eaton, da imponenti ammassi di ghiaccio.