Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/267

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Carrill. – Cervera ed il comandante della piazza avranno seminato il canale di torpedini.

– Sarà ancora in buono stato la linea telegrafica di Bayamo comunicante con Santiago?

– Lo spero, signora marchesa.

– Poggiamo su Manzanillo, Cordoba.

– È inutile, donna Dolores. Ecco una cannoniera che esce dal porto e che corre su di noi. Ehi, Colon fa' issare la bandiera spagnola sull'albero maestro!...

L'ordine fu tosto eseguito ed a tempo giusto poiché la cannoniera aveva già puntato uno dei suoi due cannoni sull'Yucatan per prenderlo d'infilata, credendo forse d'aver da fare con qualche piccolo incrociatore americano mandato a spiare le fortificazioni della cittadella.

Vedendo il vessillo spagnolo ondeggiare sull'albero maestro e l'Yucatan arrestarsi e segnalare d'aver delle urgenti comunicazioni da fare, la cannoniera accelerò la corsa e giunta ad una gomena di distanza, mise in acqua una scialuppa.

Un tenente di vascello e otto marinai armati di fucili abbordarono la nave della Capitana, poi il primo salì lestamente in coperta, salutando cortesemente la marchesa.

– Voi siete spagnoli, signora? – chiese.

Poi avendo veduto sulla ruota del timone il nome della piccola nave, fece un gesto di stupore.

– L'Yucatan della marchesa del Castillo!... – esclamò con gioia. – Non è adunque stato catturato dagli americani?...

– No, tenente – rispose la marchesa.

– Si era sparsa la voce che era stato assalito e preso nella baia di Corrientes, signora.

– Fu ad un pelo di venire preso, ma come vedete è ancora libero e col suo carico completo.

– Volete sbarcare le armi a Manzanillo, signora marchesa?

– Una domanda, prima, signore: credete che si possano mandare armi e le munizioni a Santiago?

– È impossibile, marchesa; gl'insorti hanno occupato tutti i boschi e lo impedirebbero.

– Funziona sempre il telegrafo?

– Fortunatamente non è stato ancora tagliato.

– Allora, signor tenente, vi prego di telegrafare al comandante di Santiago che questa notte l'Yucatan forzerà il blocco e che anderà a gettare l'àncora in mezzo alle navi dell'ammiraglio Cervera.

– Ma signora!... – esclamò il tenente, con stupore. – Voi ignorate adunque che le squadre americane hanno cominciato il bombardamento della città?...

– Lo sappiamo, tenente.

– E volete andare a Santiago?...