Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Un brindisi che salva la vita 51

fumo della prima cannonata, sparata a sola polvere, ondeggiava ancora sulla prora, disperdendosi lentamente.

Sul ponte di comando si vedeva il capitano in alta tenuta circondato dal suo Stato Maggiore, ed in piedi sulle murate e nelle coffe corazzate dei due alberi parecchi marinai, mentre altri parevano occupati a preparare una scialuppa per poi calarla in mare.

Cordoba, fatta spiegare la bandiera messicana sul picco della randa di maestra e imbrogliare le due rande, aveva raggiunta la marchesa.

— Fra poco gli yankees saranno qui, — le disse, con apprensione.

— Li riceveremo gentilmente, — rispose la marchesa.

— Badate a quello che fate, donna Dolores. Giuochiamo una terribile carta.

— È a posto mastro Colon?

— Sì.

— Allora tutto è pronto.

— Per farci saltare tutti?

— Senza fretta però, amico mio. Se dovremo saltare, lo faremo quando saremo addosso al monitor. Andarcene all’altro mondo soli no, amico Cordoba; ci andremo cogli yankees per scorta.

— Era quello che volevo dirvi.

— Lo faremo, sta’ tranquillo. Ah! Vengono!

Una baleniera era stata calata a babordo del vascello da guerra, armata da una mitragliatrice e venti uomini, comandati da un tenente, vi avevano preso posto.

Dieci si disposero ai remi, gli altri invece, che erano armati di fucili, si raggrupparono a prora, attorno alla mitragliatrice.

La marchesa si volse verso gli uomini di quarto che si erano raccolti dietro di lei e disse:

— Mostratevi tranquilli, ed io rispondo della nostra salvezza.

— Siamo pronti a tutto, — risposero i marinai.

— Sono chiusi i boccaporti?

— Tutti.

— Va bene.

La baleniera si avvicinava rapida, sotto i vigorosi colpi di remo dei dieci marinai. In meno di cinque minuti attraversò la distanza e giunse sotto la scaletta di tribordo che Cordoba aveva fatto abbassare.

Sei marinai armati balzarono prontamente sulla piattaforma legando la baleniera, poi salirono la scala e comparvero sulla tolda dell’yacht dicendo:

— Che nessuno si muova. —

Il tenente di vascello li aveva seguiti, tenendo in pugno la spada.

Era un uomo sui trentacinque anni, alto, biondo e roseo come lo sono quasi tutti quelli di razza anglo-sassone, con una barba tagliata alla nazzarena e due occhi grigiastri e penetranti.