Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


di scogliere che lo mettevano al coperto contro qualsiasi scarica.

Il vascello da guerra, immobilizzato sui banchi, lanciò in aria alcuni razzi per richiamare l'attenzione di qualche nave che si fosse trovata al largo e fors'anche per segnalare la presenza di quel piccolo legno sospetto. Non ottenne alcun risultato, poiché sull'orizzonte non si vide alcuna risposta.

– Sempre a tutto vapore!... – gridò Cordoba, che si stropicciava allegramente le mani. – Se il diavolo non ci mette la coda, fra un'ora e mezza noi saremo al sicuro nella baia di Corrientes.

– Purché non accorra qualche altra nave a sbarrarci la via.

– Nessuna nave ha risposto ai segnali del vascello, quindi vuol dire che non ve ne sono al largo.

– E la Cushing?

– Chissà ove sarà andata. Forse si sarà recata a visitare la baia della Guadiana, al nord del capo Sant'Antonio. Ehi, timoniere! Lascia a me la ruota; conosco la costa meglio di te.

Cordoba s'affrettò a ritornare a poppa e si mise alla direzione dell'yacht, mentre la marchesa si portava a prora con mastro Colon.

L'Yucatan intanto continuava a divorare la via, filando sopra i banchi di sabbia ed in mezzo alle scogliere, tenendosi a circa mezzo miglio dalla costa cubana.

La luna fortunatamente, essendo uscita del tutto dalle nubi, permetteva a Cordoba di distinguere perfettamente i pericoli e di scorgere a tempo le lingue di sabbia staccantesi dalla costa, contro le quali rompevasi il mare rumoreggiando.

Alle sei del mattino, la Capitana e mastro Colon, che non avevano abbandonato il castello di prora, scorsero verso l'est, ad una distanza di tre o quattro miglia un punto luminoso che pareva brillasse a fior d'acqua.

– Una nave? – chiese la marchesa.

– No – rispose il mastro. – Quel lume, se non m'inganno, mi sembra immobile.

– Qualche fanale allora?...

– Dobbiamo già trovarci nelle acque della baia a quest'ora.

– Ehi, Cordoba, ove siamo?

– Nella baia, donna Dolores – rispose il lupo di mare.

– Abbiamo un fanale dinanzi a noi.

– L'ho veduto: indica la costa.

– E continuiamo questa corsa?

– No, donna Dolores. Macchinista! Basta! A sei nodi o andremo ad infrangerci.

Pochi minuti dopo quell'ordine, l'yacht rallentava la sua velocità, avanzandosi con precauzione nelle acque della baia, la quale forma una vasta insenatura semicircolare, fiancheggiata da paludi coperte da folti paletuvieri.

Il lume segnalato non era lontano che qualche miglio. Pareva