Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

In mezzo ai ghiacci 125


Era una piccola banda di guanachi, bestie agilissime che rassomigliano un po’ agli asini, quantunque siano più piccoli e abbiano il collo più lungo, la testa assai piccola e le gambe secche e sottili come quelle dei cervi. Ed è una selvaggina che abbonda in tutte le pianure della Patagonia e che è assai ricercata per la squisitezza delle sue carni.

La truppa stava già per scomparire, quando si videro delle palle legate da corde, attraversare lo spazio e piombare in mezzo ai fuggiaschi con sibili acuti.

Tre guanachi scartarono bruscamente mandando dei bramiti dolorosi, poi stramazzarono al suolo agitando disperatamente le gambe che parevano fossero state legate.

— Hanno lanciato le yachicho, — disse il signor Lopez.

— Che colpo d’occhio hanno i cacciatori patagoni!.... —

Le yachicho sono le bolas da caccia degli abitanti delle terre magellaniche, i quali anche oggidì le preferiscono ai fucili.

Consistono in tre palle di pietra o di metallo, legate insieme da correggie di pelle intrecciate, che i patagoni lanciano con inarrivabile destrezza e che vengono esclusivamente usate per la caccia dei guanachi.

Di rado uccidono; si avvolgono invece così bene intorno alle gambe della selvaggina da arrestarla di colpo e farla cadere tramortita.

I guanachi erano appena caduti, quando si videro comparire i cacciatori.

Erano una quindicina di patagoni, di statura gigantesca, montati su alti cavalli della pampa, d’aspetto fiero ed imponente, coi volti dipinti bizzarramente, parte in rosso e parte in nero, con qualche striscia bianca intorno agli occhi e le braccia tatuate in azzurro.

Vedendo la baleniera avevano fermato quasi di colpo i loro cavalli, facendoli piegare fino a terra con una strappata