Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/3

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO I.

Il carcame d’una balena.

Nella huaneras di porto Stokes il lavoro ferveva febbrile, senza un momento di tregua, fra un urlìo incessante dei sorveglianti e le imprecazioni rauche dei minatori, i quali si sentivano soffocare dalle pestifere esalazioni del guano e dal polverone che si levava, in nubi foltissime, sopra gli strati puzzolenti, depositati da secoli e secoli dagli uccelli marini.

Il luglio era già cominciato da qualche giorno e si era annunciato freddissimo e anche tempestoso, scatenando frequenti uragani e sollevando le poderose onde dell’oceano Pacifico.

Tutte le numerosissime isole che fiancheggiano l’estremo lembo dell’America meridionale e la vicina terra del Fuoco s’erano già coperte di neve e anche le coste dello Stretto di Magellano cominciavano a diventare impraticabili per le violentissime risacche prodotte dai venti impetuosi che regnano in quelle desolate regioni.

Nell’America meridionale il luglio corrisponde al gen-