Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo vi — l'urto della balena 171


boccone però, per quei cetacei voracissimi, essendo quella lingua lunga otto metri, larga tre e delicata.

La povera balena doveva averne perduta una parte, perchè i marinai della scialuppa vedevano ormai distintamente il sangue colare in grande copia attraverso i fanoni.

Impotente a difendersi, spaventata, pazza di dolore, cercava di sottrarsi ai morsi dei nemici, assalendo l’istmo di ghiaccio per guadagnare il mare libero.

Avrebbe potuto tuffarsi e passarlo per di sotto, ma forse temeva di venir attaccata con maggior furia dai suoi implacabili nemici, o di essere costretta ad aprire la bocca al suo ritorno alla superficie, per rinnovare la sua provvista d’aria. Fors’anche sperava, sfasciando i ghiacci, di ferire i persecutori o di spaventarli.

– Mastro disse Charchot, a cui rincresceva la disgraziata fine dello sfortunato cetaceo. Mandate un po’ di piombo a quei brutti ghiottoni.

– No, rispose Tyndhall.

– Volete forse impadronirvi del grasso del cetaceo?

– Non saprei dove metterlo e poi perderei troppo tempo.

– Volete che i delfini lo uccidano? Quel colosso può essere più utile a qualche baleniere che a quei divoratori crudeli.

– No, ma aspetto che la balena sfondi l’istmo per aprire la via alla nostra barca. Il canale finisce qui e se non si spezza quella barriera, noi non potremo guadagnare la Terra di Baffin.

– È vero, dissero i marinai. È una fortuna aver incontrata questa balena alle prese coi delfini.

Intanto il cetaceo raddoppiava i suoi urti contro l’istmo, ora adoperando il capo ed ora la coda, ma il